Vai al contenuto

Mercato immobiliare veneto rallenta per costi eccessivi e minor potere d’acquisto. Cresce l’interesse per affitti

  • news

Il mercato immobiliare veneto sta vivendo una significativa frenata nelle compravendite di alloggi, principalmente a causa del ridotto potere d’acquisto delle famiglie e degli aumenti esorbitanti dei tassi dei mutui. Questa tendenza sta spingendo il settore verso una crescente preferenza per gli affitti.

Coloro che non possono più permettersi l’acquisto di una casa stanno optando per la locazione, mentre chi possiede immobili vuoti sta considerando l’ingresso nel redditizio mercato degli affitti turistici, con Venezia in prima linea. È quanto emerge dal terzo Osservatorio Immobiliare 2023 di Nomisma, azienda specializzata nelle analisi periodiche del mercato.

Il rallentamento nelle compravendite è attribuito alle sfide nell’accesso al credito, come spiega Francesca Pagnini, project manager di Nomisma, focalizzata sulle città venete. A Padova, ad esempio, la richiesta di mutui è scesa dal 69% al 54% in soli sei mesi.

Dopo l’impennata post Covid che aveva segnato una generale ripresa degli acquisti, ora il mercato si confronta con le difficoltà economiche delle famiglie. A Venezia, il calo nelle compravendite è meno pronunciato grazie alla forte domanda turistica rispetto a quella dei residenti.

Sebbene i prezzi degli alloggi a Venezia rimangano stabili ed elevati, grazie alla richiesta turistica per le seconde case, Padova si difende meglio con quotazioni più convenienti sia per l’acquisto che per l’affitto.

Tuttavia, si prevede che la situazione peggiorerà nei prossimi sei mesi, con una diminuzione ulteriore delle compravendite sia in Italia che nel Veneto. Ciò potrebbe riflettersi in una possibile riduzione dei prezzi e in un aumento dell’offerta di affitti. La tendenza si orienta sempre più verso la riconversione a uso turistico, diventando un fenomeno nazionale.

Anche per uffici e negozi, la situazione rimane incerta in Italia e nel Veneto, con Venezia che si distingue per la presenza di negozi a uso turistico. Nonostante ciò, la tendenza generale è verso un progressivo spostamento dalle compravendite agli affitti, con segnali timidi di ripresa.

Le analisi di Nomisma non lasciano dubbi sul fatto che il settore immobiliare italiano, compreso quello veneto, chiuderà il 2023 notevolmente ridimensionato rispetto agli anni precedenti caratterizzati da una crescita eccezionale.

Autore

Arsenale 1104 è una società di gestione e investimento immobiliare "all-inclusive" che offre servizi per case, ville e appartamenti vacanza a Venezia, Padova, Vicenza e Verona. Possiamo aiutarti e gestire il tuo immobile?